8208

8208 Lighting Design Festival – Como 4 to 24 novembre 2017

Fondazione Alessandro Volta per la promozione dell’Università, della ricerca scientifica e dell’alta formazione, promuove, insieme al Comune di Como e con il patrocinio di alcuni importanti enti, la seconda edizione di 8208 Lighting Design Festival, inserito nelle iniziative Cult City: un evento dedicato all’arte contemporanea che coinvolge artisti, designer, università e professionisti internazionali con eventi speciali, workshop e panel che affrontano il tema della luce e della light art.

piccolo reportage sera inaugurazione e accensione opere : 4/11 h 18.45 a seguire

Marco Barotti – Molo di Sant’Agostino
IMAGINARY DIVISION

I confini, sia fisici che immaginari, sono ormai motivo di molti conflitti. In IMAGINARY DIVISION, la luce, l’audio e l’acqua comportano separazioni temporanee imprevedibili, unificandosi in un’impressionante installazione in cui ogni elemento dipende dall’altro.

5EBA2EE9-C5D5-4390-BAC1-63C89B57B883

A1F6C074-97F6-4A85-8072-E099CF4F4636

23A73C45-F995-41EF-9219-FA278F951F2A

 

DAB7E86E-106E-4465-9656-402D2298DB29

Daniela di Maro – Porta Torre
INNER VOICE

L’installazione intende generare un rapporto tra l’interno e l’esterno della città, utilizzando Porta Torre come “varco” spazio-temporale e superando il confine tra il dentro e il fuori del centro città. Sono i passanti a stabilire un rapporto di causa-effetto, animando la torre di suoni e colori. A qualche metro di distanza da Porta Torre, sono posti dei microfoni collegati a delle luci colorate direzionali, poste ai quattro angoli interni. I passanti, invogliati dalla presenza dei microfoni, possono avvicinarsi e parlarvi dentro, lasciando messaggi che in base all’intensità e alla frequenza delle voci, provocano accensioni e variazioni di luce colorata.

L’installazione prevede anche l’illuminazione del perimetro esterno. Infatti, in prossimità delle due arcate d’ingresso, sono stati posizionati dei microfoni ad ampio raggio. I rumori circostanti provocheranno l’accensione di alcuni fari a luce bianca, posti all’esterno di Porta Torre.

E1275764-DA22-46A7-AD59-C0369C9629D3

D386B8FE-5DC0-49F7-8872-FCBD059843D7

1DA16C07-81C6-45C9-8F56-1E2A30ECDE873D5EFC5F-3A74-44CB-8949-D789D927F0C6

Kasjo Studio – Giardini del Tempio Voltiano
HORIZONTAL INTERFERENCE

L’opera è costituita da una struttura molto semplice di corda colorata che collega diversi alberi. La straordinaria architettura dei cavi, che in sé è già bella alla luce del giorno, diventa una spettacolare meraviglia alla sera. Attraverso un’illuminazione semplice ma ingegnosa, tutti gli elementi naturali e addizionali si fondono insieme creando un’immagine potente e poetica. Il lavoro pone domande sul confine tra la virtualità e la realtà, sottolineando il fatto che il carattere di entrambi gli oggetti è effimero e molto relativo allo stesso tempo.

F9322E2C-9AC2-4143-8A4B-BE25090EF72F79D3C79E-29F0-465C-9B42-DB4B81E67CC3

99F261F4-6EE1-4628-93DE-181DB49BD4BF4C64BDB4-35D2-4AFD-9B99-9AF96574D852

42F75735-8B94-4F5F-AEDE-2DF37A182335

VENIVIDIMULTIPLEX – Giardini del Tempio Voltiano
WAVES

Perché estende i confini del lago di Como in città. Perché non ha dei confini impostati dal momento che le righe galleggiano a destra e sinistra. Perché i visitatori possono effettivamente entrare nel lavoro e con la loro presenza negano i confini e camminano nell’acqua surreale di WAVES. Poiché i WAVES si riferiscono anche alla tensione elettrica che Alessandro Volta per primo ha conservato in una batteria, in uno spazio confinato e con ciò, oltrepassare limiti dell’utilizzo elettrico.

72E1EC79-25A0-4EE0-B1A0-ACE0FB600FBFD4B7F27F-9BB4-4CFB-8646-382A7F30D998780D03CD-EA38-44FE-AF51-EDC9BFBC662E

Massimo Uberti – Via Pretorio
CASALUCE

L’installazione è come una linea sottile che delinea un volume appena accennato. La luce non ha soltanto il compito di rivelare l’opera ma anche quello di renderla materiale all’apparizione, di tenerla insieme nella coerenza concettuale, di offrirla al visitatore come un passaggio fuori dal vuoto. E non si tratta di artificio ma piuttosto di una disposizione naturale a camminare sul limite, a sperimentare la vertigine come emozione reale. In Casaluce lo spazio s’intreccia a un gusto verso il disegno oltre a una proiezione utopica nei confronti della società.

L’arte come aspirazione a un nuovo mondo, come sconfitta delle tenebre culturali e mentali, resta il faro che indica una rotta. Il suo è uno stare in silenzio sul varco, esserne il custode attento in attesa che il visitatore lo oltrepassi perdendo così la sua condizione d’inesperienza. È in questo gioco di offerta e aspettativa che acquista senso l’intima aggettivazione che Uberti avverte verso lo spazio, per offrire, con sorprendente raffinatezza ed eleganza, luoghi per abitanti poetici.

7AEF6C09-67C5-4893-A085-BF53DA2C8BED3615FE04-7CEC-4338-9036-C9D1EBCD461AB38E0F90-0E5D-45B3-8FE8-019C14CD24A0F4ACAA0F-DC18-4530-A8D1-68E86F98CFE8

sito ufficiale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...